Doratura legno - Intaglio Meana

Vai ai contenuti

Menu principale:

Doratura legno

Curiosità

Per ottenere una buona doratura bisogna levigare pazientemente il legno e renderlo più liscio possibile.Si inizia stendendo sul legno a pennello una mano di colla di "coniglio"o "totin" preparata sciogliendo un foglio di colla in due litri di acqua calda e un pizzico di gesso di Parigi o Bramadon.
Dopo 24 ore si ripete l’operazione aggiungendo acqua tiepida e molto gesso.
Dopo altre 24 ore si stende una mano con una aggiunta di "gesso di Bologna"non molto denso.
Il giorno successivo ripetere l’ultima operazione (quarto giorno)
Passate altre 24 ore (quinto giorno) si può levigare bene con carta vetrata e retina da indoratore ravvivare e modellare la scultura con zappette e ferri vari .Dare due mani di vernice a stoppino e poi due o tre mani di "bolo"o "broglio" avendo cura di modellare le pennellate seguendo la scultura la prima mano deve essere molto liquida.
Al sesto giorno possiamo stendere i fogli d’oro usando colla di pesce molto diluita e tiepida meno diluita se si tratta di oro finto.
Ci aiuteremo con uno spazzolino o pennello largo un cuscinetto per tagliare i fogli con un coltello lungo e piatto.
Il settimo giorno si può procedere alla brunitura con "l’agata" premendo senza scrostare l’oro ritoccare con pezzi di foglia d’oro fissare il tutto con vernice "zapon" diluita con solvente alla nitro oppure con due mani di colla di pesce.
Se necessario finire ritoccando i punti più difficili con un pennello usando "bronzina o porporina".
Ora si può patinare con cera d’api diluita con acqua ragia naturale aggiungendo terra d’ombra in proporzione per poter antichizzare più o meno l’oggetto finito.        

 
Torna ai contenuti | Torna al menu