Legno di Tasso - Intaglio Meana

Vai ai contenuti

Menu principale:

Legno di Tasso

Curiosità

Il tasso è un albero dell’ ordine delle conifere, molto usato come siepe ornamentale. Il legno del Tasso è il più pesante tra le conifere, la pianta intera, ad eccezione dell’ involucro rosso (arillo) del seme, contiene alcaloidi velenosi. Particolari estratti sono impiegati a scopo medicinale. Legno resistente all’attacco dei funghi, durante la lavorazione la segatura fine può provocare irritazioni e infiammazioni della pelle. La polpa degli arilli innocua, viene mangiata dagli uccelli, i semi velenosi non vengono digeriti e macinati perché mortali. Quando l’animale li espelle essi sono ancora intatti e si insediano nel terreno dando origine ad una nuova pianta. Il legno di Tasso è molto pregiato, viene utilizzato per lavori di ebanisteria, tornitura, costruzione di strumenti musicali,  nel modellismo navale...

Il nome TASSO  deriva dal greco taxon che significa freccia e l’appellativo di albero della morte nasce proprio dal suo impiego nella fabbricazione di dardi velenosi e dalla sua tossicità, oltre al fatto che veniva utilizzato nelle alberature dei cimiteri. Molto longevo, nel Giardino dei semplici di Firenze ne esistono esemplari di 1500-2000 anni di età. Storicamente il TASSO è il legno per eccellenza nella costruzione di archi, e sin dalla preistoria è attestato il suo utilizzo per la fabbricazione di quest’arma.  Non a caso l’arco e le frecce della mummia del Similaun (OTZI) risalente al 5000 aC circa, ritrovata sotto i ghiacci nel 1991 erano costruiti con il legno di TASSO. IL più antico artefatto in legno è  una lancia di 150000 anni in legno di TASSO, riemerso da una fossa in Bassa Sassonia tra le costole di un elefante dei boschi. La famosa foresta di Sherwood dove Robin Hood e la sua banda si nascondeva dal cattivo sceriffo di Nottingam era costituita quasi esclusivamente da alberi di TASSO con i quali  riuscivano a costruire i loro archi e frecce.
La fama acquisita dal legno di questa pianta per la costruzione degli archi portò durante il medioevo alla quasi estinzione del Tasso in Europa e, in molti paesi è oggi protetto ed è contenuto nella lista rossa delle specie vegetali minacciate.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu